Il termometro della salute – 1° rapporto sul sistema sanitario

Collana: MANUALI
2-3d.gif
A cura di Eurispes ed Enpam
Formato: 15 x 21 cm
Pagine: 208 pagg. + cop. in brossura
Edizione: Gennaio 2018
Lingua: Italiano
ISBN: 978-88-3324-004-6
Voti:

Carrello

Libro cartaceo
15,00
12,75 €
Tag:
1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

TRAMA
Nel Primo Rapporto realizzato per l’Osservatorio Salute, Previdenza e Legalità, Eurispes ha inteso seguire una strada originale che possa produrre un contributo aggiornato e allo stesso tempo “comprensibile” per chi sia interessato ad orientarsi all’interno di una tematica che sempre di più acquisterà un valore strategico e “politico”, nel senso più alto del termine.
A guidare la ricerca rimane saldamente la Costituzione che, al primo comma dell’articolo 32, recita: «La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti.» Il Rapporto intende fornire una lettura del sistema non esclusivamente sotto il profilo dei numeri e dei bilanci, o dalla “visuale” del cittadino – che, ovviamente resta quella essenziale – ma anche da quella dei tanti operatori del settore, di cui non si può non tenere conto quando si è chiamati a “leggere” e in qualche misura ridefinire le prospettive del comparto.
Il Rapporto fornisce una descrizione del Sistema Sanitario Nazionale nelle sue fin troppo varie articolazioni. Da questa fotografia emerge la considerazione che la complessità insita nella natura e nelle finalità stesse del comparto è molto spesso appesantita da orpelli burocratici e procedurali dei quali sarebbe opportuno fare a meno. Analizzando il sistema “dall’interno”, le tante difformità che caratterizzano e avviliscono l’erogazione del bene-salute, rimandano, almeno in parte, alla giungla di procedure e regolamenti che rendono variano da Regione a Regione, tra Aziende sanitarie e Aziende ospedaliere, tra sanità pubblica e sanità privata accreditata. Negli ultimi anni il precariato ha eroso sempre di più la tranquillità degli operatori, e l’impatto dei tagli nei bilanci è stato vissuto come la sanzione del valore relativamente scarso delle funzioni che si è chiamati a svolgere a presidio della salute dei cittadini. In generale si può affermare che la loro voce è assente nel panorama del pubblico dibattito. Questo Rapporto intende ascoltarla.
poco leggibile la condizione stessa degli operatori, medici e assistenti sanitari, che ne rappresentano il nerbo. Gli inquadramenti, i livelli contrattuali e retributivi, il rapporto tra addetti assunti e collaboratori.


L’Eurispes è una associazione senza fini di lucro e opera dal 1982 nel campo della ricerca politica, economica, sociale e della formazione. L’lstituto realizza studi e ricerche in collaborazione con imprese, enti pubblici e privati, istituzioni nazionali ed internazionali. Nello stesso tempo, promuove e finanzia autonomamente indagini su temi di grande interesse sociale, attività culturali, iniziative editoriali, proponendosi come centro autonomo di informazione ed orientamento dell’opinione pubblica e delle grandi aree decisionali che operano nel nostro Paese. La scelta operativa dell’Eurispes deriva dalla convinzione che una adeguata politica di governo della situazione socio-economica pretenda una conoscenza dei fatti sempre più aggiornata ed integrata. Nel perseguire questi obiettivi l’Eurispes è particolarmente avvantaggiato dalla propria composizione: al suo interno confluiscono, infatti, più “culture” di diverso orientamento che si ricompongono in un’unità omogenea e originale.

La Fondazione Enpam è l’Ente di previdenza e di assistenza dei medici e degli odontoiatri. Ha lo scopo di attuare la previdenza e l’assistenza a favore degli iscritti, dei loro familiari e superstiti, nonché di realizzare interventi di promozione e sostegno all’attività e al reddito dei professionisti iscritti, secondo quanto previsto dalla legge e dai regolamenti deliberati dalla Fondazione medesima ed approvati dalle Amministrazioni vigilanti di cui all’art. 3 del decreto legislativo 30 giugno 1994, n. 509. Per il conseguimento delle sue finalità istituzionali e per migliorare la sua efficienza organizzativa e gestionale, la Fondazione può svolgere attività e promuovere iniziative, anche con la costituzione e la partecipazione a società, enti, fondazioni ed associazioni in Italia ed all’estero. La Fondazione, in particolare, favorisce forme di associazione con Enti di previdenza privati aventi analoghe finalità. Attua iniziative finalizzate alla qualificazione dei componenti dei propri organi collegiali in materia di previdenza, assistenza e welfare, nonché nella gestione del patrimonio.
COMMENTI

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna


CONDIVIDI la pagina

Della stessa collana

Informazioni aggiuntive

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Policy Cookies. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Policy Cookies. Cliccando su Attiva Cookies, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Per saperne di più sui cookies che utilizziamo leggi le nostre policy cookies.

Accetto i cookies da questo sito.